ANTICHE PORTE Editrice

 

Fuori Collana

 
 
HOME LA STORIA DOVE SIAMO LIBRI NOVITA' EVENTI  
 

Titolo:

OSTERIE, SOSPETTI E lAMBRUSCHI

Il vino e il suo mondo nellaBassa del primo Ottocento

Autore:

Genere:

Storiografia

Formato:

14 x 21 cm - Pag. 72

 

Anno:

2012 - Copie 200 - Ristampa copie 150

Prezzo:

8,00 euro

ISBN 978-88-96183-23-6
Descrizione:

Osterie e storie di popolo nella Bassa delle nebbie e dei lambruschi generosi. Prima dell’Unità d’Italia il territorio era amministrato dai Duchi di Parma e Modena, Reggio era Estense e si divideva in due province, quella del Capoluogo, a sud, e di Guastalla a nord, in riva al Po. Il volume racconta questo mondo di gente e territori dei secoli passati, spingendosi qua e là fin sul crinale appenninico.
«A quel tempo frequentare assiduamente le osterie voleva dire, agli occhi dell’opinione pubblica (e della polizia), screditarsi pesantemente. Lo testimoniano le cronache giudiziarie della Sottoispettoria di Guastalla che tra la Gente sospetta, nel 1819, annovera undici individui residenti nel ducato, quasi sempre nullafacenti e “schedati” con disparate motivazioni: Accorsi Angiolo, (anni 30, un figlio, domiciliato a Luzzara) “Mentre dimorava nel comune di Reggiolo era tenuto, con ragione, in sospetto di ladro, massime di robe di campagna, perché era continuamente all’osteria e dedito al giuoco”. Arcangelo Teggi (già ospite delle patrie galere) è conosciuto come “nottivago, manutengolo ai figli di famiglia, al mal fare, frequentatore le osterie e bettole e finalmente dedito ai furti”. Borgo Brugneto è luogo malfamato in cui sovente succedono risse e schiamazzi notturni e perfino furti, sia campestri che di pollerie. Dopo indagini eseguite, dice il latore dello scritto: “Ho potuto darmi a credere provenire siffatti delitti e sconcj da un non poco numero di giovinastri costanti nel vagare di notte, dediti al giuoco e frequentatori le bettole e osterie”.»